E-bike del futuro: come sarà?

L’avvento delle e-bike ha rappresentato uno spartiacque nel modo di concepire la bicicletta. Se prima eravamo abituati a considerare il mezzo a due ruote soltanto come faticoso e scomodo, oggi la tendenza è totalmente invertita. Sempre più persone preferiscono la bicicletta alla macchina, complice anche un design sempre più accattivante del mezzo a due ruote che lo rende in linea a qualsiasi tipo di ambiente.

Questo cambio di rotta è stato sicuramente agevolato dall’introduzione nella bicicletta del motore, che consente un minore sforzo ed un maggiore comfort. Insomma, chiunque può utilizzarla.

Adatta per raggiungere il proprio posto di lavoro o per muoversi in città, oggi il mercato delle biciclette elettriche ha toccato picchi mai raggiunti prima. Un esempio? L’azienda Bosch, che produce motori e batterie per circa 70 marchi di biciclette elettriche, a marzo ha visto crescere dell’85% la domanda di e-bike negli Stati Uniti rispetto all’anno precedente! Si stima che il mercato totale possa arrivare a toccare i 46 miliardi di dollari entro il 2026.

Ma se è vero che anche un mezzo così “classico” come la bicicletta è stato travolto dall’innovazione, è vero anche che potrebbero potenzialmente non esserci più limiti per la sua evoluzione. Per cui, come sarà l’e-bike del futuro? Ecco che cosa abbiamo scoperto.

E-bike: l’evoluzione è alle porte

La prima bicicletta elettrica moderna risale al 1994, quando l’azienda Yamaha ha introdotto sul mercato giapponese un modello con il Pedal Assist System (PAS), tecnologia alla base delle odierne e-bike. La bicicletta era dotata di una sola modalità di assistenza e di batterie al piombo che consentivano un’autonomia di 20 km. Da allora le e-bike hanno avuto un’evoluzione inaspettata ed impensabile che è destinata a proseguire nei prossimi anni.

È difficile prevedere esattamente come possa esattamente essere l’e-bike del futuro, ma molto probabilmente sarà diversa da quella che oggi conosciamo. Il campo dell’innovazione è stato capace di sorprenderci più volte in questi ultimi anni, e siamo convinti che la stessa cosa succederà per il settore delle e-bike, complici anche la crisi economica e le attenzioni al rispetto dell’ambiente.

E-bike del futuro: qualche previsione

Due designer olandesi hanno deciso di condurre uno studio sulle possibili evoluzioni dell’e-bike. Si tratta di Bastiaan Kok e Peter van der Veer. I loro sforzi hanno generato una serie di previsioni sullo sviluppo del mezzo a due ruote. Eccone alcune:

  • Cargo bike

Le cargo bike sono particolari tipi di bicicletta che consentono di trasportare del carico – o anche bambini. In Italia non sono particolarmente diffuse, mentre hanno trovato fortuna soprattutto nel Nord Europa. Secondo i due designer olandesi, l’introduzione della pedalata assistita su questi modelli di bicicletta potrebbe rivoluzionare totalmente il nostro modo di vivere la quotidianità. Non solo, ma ne esiste anche la versione a quattro ruote che le rende ottime per trasportare pacchi più ingombranti dai magazzini alle aree urbane.

  • Idrogeno: la nuova fonte di energia

Una delle innovazioni più significative potrebbe essere quella di prevedere l’idrogeno come la principale fonte di energia per le biciclette che percorrono un elevato numero di chilometri. Questo si rifletterebbe anche sulla struttura delle strade, che dovranno prevedere dei distributori appositi per sostituire facilmente un serbatoio vuoto con uno pieno. Una pecca di questa innovazione è il costo: l’idrogeno sembrerebbe infatti troppo costoso rispetto all’elettrico.

  • Autostrade ciclabili

Chi possiede una e-bike sa perfettamente come questo mezzo possa raggiungere velocità anche piuttosto alte. Per questo motivo non è consentito transitare sulle normale piste ciclabili, adibite soltanto alla biciclette non elettriche. Da qui nasce l’idea di costruire autostrade ciclabili che possano accogliere – in sicurezza – il traffico delle e-bike. Questo implicherà il dover rimettere in discussione la normativa che regola la velocità delle e-bike, ma aprire un dialogo a livello europeo sulle misure adottate forse permetterebbe di sfruttare al meglio il potenziale che offrono.

  • Biciclette connesse

Anche il mondo delle biciclette è destinato a diventare smart. Questo consentirà ad esempio un migliore tracciamento della posizione, utile soprattutto in casi di furto del mezzo. Le e-bike saranno dotate di un display che fornirà al ciclista tutta una serie di informazioni sul traffico, sui pericoli in strada o sul meteo.

  • Caricatore rapido integrato nel manto stradale

Uno dei progetti più ambiziosi è quello di creare appositi parcheggi dove le e-bike vengano ricaricate attraverso la tecnologia wireless. Il caricatore – secondo i due designer – dovrebbe essere integrato proprio nel manto stradale.

L’e-bike senza raggi è già realtà

Se quelle dei designer olandesi Bastiaan Kok e Peter van der Veer sono ancora previsioni, c’è un’importante innovazione che invece è già realtà: l’e-bike senza raggi.

Stiamo parlando di Reevo, la prima bicicletta al mondo senza raggi e senza mozzi. La produzione, realizzata dalla startup Beno (Be Innovative) Inc. con sede a Seattle, ha richiesto 4 anni di studio e progettazione ed ha lasciato tutti a bocca aperta. Il telaio è realizzato da alluminio ed un polimero termoplastico ideale per creare oggetti leggeri e rigidi (l’ABS). Il motore ha una potenza di ben 250 Watt.

Il design è futuristico, le ruote hanno un doppio cerchione. Nei cerchi delle due ruote troviamo le luci di posizione con integrati sensori di segnalazione e stop. In caso di frenata la luce posteriore diventa rossa, proprio come nei classici mezzi di trasporto. All’interno è integrato anche un sensore di luce ambientale che accende e spegne automaticamente i fari e la luce posteriore a seconda della luminosità esterna.

Una grande novità riguarda la possibilità di legare borse direttamente all’interno della ruota, resa possibile dall’assenza di raggi. Un gadget innovativo quanto comodo.

Beco è inoltre dotata di un sistema di antifurto di ultima generazione: sul manubrio è posizionato un display sul quale l’e-bike rileva le impronte digitali. Per scongiurare il peggio, è stato comunque integrato un GPS per poter rintracciare facilmente il mezzo.

E-bike: un futuro da protagonista

Nonostante le previsioni ed alcune innovazioni, quello di cui siamo certi è che l’e-bike diventerà sicuramente il mezzo di trasporto del futuro. L’incontro tra tecnologia, innovazione e sostenibilità sembra aver trovato nelle e-bike il protagonista principale. Nel futuro delle e-bike ci sarà sempre più integrazione funzionale tra le componenti responsabili dell’elettrificazione.

L’obiettivo di questa evoluzione è quello di non snaturare l’esperienza di guida in bici. Ogni tappa verso l’innovazione cercherà di strizzare l’occhio anche alla sostenibilità ed al rispetto dell’ambiente, un tema diventato ormai di fondamentale importanza.

Insomma, il futuro delle e-bike non sembra essere poi così lontano.

Fonti:

https://www.bicitech.it/e-bike-futuro/

https://www.ilsole24ore.com/art/le-nuove-e-bike-sono-progettate-diventare-mezzo-trasporto-piu-diffuso-citta-ADltiqFB

https://www.sportoutdoor24.it/lifestyle/e-bike/le-e-bike-del-futuro-ecco-come-saranno-le-bici-elettriche-che-ci-aspettano/

https://www.pianetamountainbike.it/e-bike/32740-e-bike/62048-reevo-la-ebike-senza-raggi-senza-mozzi-il-futuro-e-gia-realta

 

TOP ENGINEER © Copyright 2020

VARCO SRL - Sede legale: BOLOGNA (BO) Via Lidice 8, CAP 40139 | CF e N.Iscr. al Registro Imprese di Bologna: 03784161204 | N. REA: BO - 546056

INVIA LA TUA CANDIDATURA

Battery/Hybrid Control Engineer

Ruolo:

 Battery/Hybrid Control Engineer for Ferrari spa

System Platform:

  • HEV
  • PHEV (Plug-in)
  • EV

We are looking for an individual to join our team of dedicated engineers to develop, implement and debug advanced controls and observers for High Voltage Battery and Hybrid Energy Management applications. This person will be highly motivated, able to analyze and create complex models and simplify it in order to design the best controller possible. This person will work collaboratively with many groups of application, simulation, and software engineers. Responsibilities Validate on real measurement of model build from simulation engineers. Design different type of automated controls in order to guarantee the limit operation condition. All this controls are involved in a larger system: the entire vehicle, so all the interaction between components must be take into account.

All the implemented logics must be tested in MIL (Model-In the –Loop) SIL (Software- In the –Loop) by the candidate. Support for the software and application engineers is needed to finish the test in HIL (Hardware- In the – Loop) and directly on the test bench or inside the vehicle.

The candidate should be able to suggest innovative solutions to improve the entire system performance or simplify the current state of art of the different strategy implemented by the Hybrid Control group.

Requirements:

  • > 1+ years of MATLAB/Simulink development.
  • > 1+ years of experience in development of advanced automatic controls. C coding and MISRA knowledge.
  • Preferred Qualifications:
  • MS or PhD in Engineering, automation, electrical, electronic preferred.
  • One-plus (1+) years engineering experience in battery system control/estimation or electric machine controls.
  • Excellent technical skills in engineering, mathematics, and numerical methods.
  • Record of innovation is desirable: invention disclosures, patents, technical publications. Knowledge of the main tool for application and SW testing in automotive (Inca, DSpace).
  • Experience in electrical, thermal measurement including verification of measurement precision/tolerance.

Permanent Contract : full time

System integration per Whirlpool


TOP-ENGINEER è alla ricerca di Laureati in Ingegneria Elettronica, Elettrica, Informatica, Meccatronica e dell’Autoveicolo con almeno un esperienza di almeno 1 anni di lavoro per la sede di Cassinetta(VA)

RESPONSABILITA’:

  • Organizzare e controllare l’attività di ottimizzazione dei componenti elettrici/elettronici;
  • Verificare le anomalie di produzione del componente e verificarne la possibile soluzione con il team ed il proprio responsabile;
  • Collaborare al meglio con il gruppo per risolvere anche le piccole problematiche di produzione;
  • Perseguire gli obiettivi dell’azienda di cost reduction;
  • Raccogliere dal supervisor i dati per le ottimizzazioni del componente e portare avanti le modifiche richieste con l’utilizzo dei reparti di R&D;
  • Collaborare alla stesura delle modifiche, e far realizzare il prototipo per capire se la modifica è migliorativa o no;
  • Presentare un report sulla attività lavorative svolte con frequenza mensile;
  • Trasferire al gruppo di lavoro tutte le informazioni necessarie per completare le attività e comprendere le motivazioni degli errori svolti.


REQUISITI:

  • Esperienza minima di lavoro 1-2 anni;
  • Conoscenza componentistica elettrica/elettronica;
  • Disponibilità al trasferimento nella zona di lavoro;
  • Capacità di imparare velocemente e di mettersi in gioco;
  • Capacità di problem-solving, valutazione dei risultati raggiunti, pianificazione delle attività con largo anticipo e analisi dei dati in autonomia;
  • Spiccata capacità organizzativa;
  • La conoscenza della lingua inglese è obbligatorio;


La posizione è full time.

Il tipo di contratto e di retribuzione saranno proposti in linea alle caratteristiche del candidato.